Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È un diciannovenne di Mannheim l'uomo che ieri pomeriggio è entrato in un cinema di Vienheim con un'arma finta, ha preso diciotto persone in ostaggio, tra cui dei bambini, ed è stato successivamente ucciso dalle forze speciali.

È quanto ha reso noto la procura di Darmstadt, competente per le indagini sul caso che, viene spiegato, è ormai chiuso.

L'uomo, la cui identità non è stata resa nota, aveva un fucile finto e, secondo gli ostaggi usciti tutti illesi dal cinema, si era attaccato delle finte bombe a mano alla cintura. Ancora non è chiaro il movente dell'azione, ma viene confermata l'esclusione di qualsiasi legame con il terrorismo, come peraltro già ieri era emerso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS