Navigation

Ghosn: Libano emette divieto di viaggio

L'ex numero uno di Nissan-Renault Carlos Ghosn KEYSTONE/AP/MMA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 gennaio 2020 - 11:59
(Keystone-ATS)

Il Libano ha emesso un divieto di viaggio per l'ex numero uno di Nissan-Renault-Mitusbishi, Carlos Ghosn, rifugiatosi in Libano dopo da la rocambolesca fuga dal Giappone. Lo riferiscono fonti giudiziarie.

Il divieto di espatrio è stato deciso dalla procura di Beirut che ha stamani convocato Carlos Ghosn a seguito del mandato di cattura internazionale inviato al Libano da parte dell'Interpol.

Le fonti aggiungono che la procura di Beirut ha inoltre chiesto alle autorità nipponiche di ricevere l'intero dossier giudiziario relativo a Ghosn, accusato in Giappone di illeciti finanziari per un ammontare di oltre 70 milioni di euro.

Ghosn non può ora lasciare il Libano ma ieri, nella sua prima apparizione pubblica da quando si era rifugiato a Beirut lo scorso 30 dicembre, aveva detto chiaramente che si sente ospite in Libano e non intende lasciare il paese.

Il Libano non ha accordi di estradizione col Giappone e, secondo analisti locali, Ghosn non rischia di essere estradato in Giappone.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.