Navigation

Ghosn, nessuno sapeva del piano di fuga dal Giappone

Carlos Ghosn KEYSTONE/AP/MMA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 gennaio 2020 - 16:37
(Keystone-ATS)

Carlos Ghosn insiste sul fatto che nemmeno i familiari più stretti, né i suoi avvocati, erano a conoscenza del suo piano di fuga dal Giappone verso il Libano. Lo ha detto lo stesso ex patron di Nissan-Renault durante un punto stampa a Beirut con i media nipponici.

"Quando pianifichi qualcosa del genere, nessun individuo deve esserne informato - ha spiegato Ghosn - e la realizzazione deve essere lasciata all'iniziativa personale".

Al pari della conferenza dell'8 gennaio tenuta nella capitale libanese, tuttavia, l'ex tycoon si è rifiutato di rilasciare dettagli sull'esecuzione del progetto di fuga avvenuto lo scorso 30 dicembre.

Ghosn ha ancora una volta ribadito di essere stato ostaggio della giustizia giapponese, così come "migliaia di persone nel Paese del Sol Levante che al contrario di lui non hanno gli stessi privilegi, per il fatto di essere una figura pubblica e avere a disposizione ingenti somme di denaro".

Ghosn ha aggiunto che gli è stata inoltrata una richiesta dal pubblico ministero libanese in data 9 gennaio con il quale si dice disposto a cooperare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.