Navigation

Giacometti e l'emozione del suo tempo a Verona

Capolavori a Verona. sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 novembre 2019 - 14:25
(Keystone-ATS)

I disegni e i quadri dell'infanzia, poi le sculture del periodo surrealista, quelle ispirate al mondo africano o classico, per quattro enormi sale che ruotano intorno al triangolo dei suoi capolavori.

È la grande mostra "Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky" che il palazzo della Gran Guardia a Verona ospita dal 16 novembre al 5 aprile del 2020 con 100 capolavori.

Settanta sono le opere qui esposte di Giacometti, insieme a grandi quadri degli artisti del suo tempo, amici e collaboratori e fondatori della straordinaria Fondazione Maeght di Saint-Paul-de-Vence che li ha prestati per questa occasione.

''Tra disegni, sculture e scrittura - ha sottolineato il curatore Marco Goldin presentando la mostra - c'è un filo conduttore che è quello di costruire nell'immediatezza qualcosa destinato all'eternità".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.