Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La morte dell'ex ministro russo dell'informazione Mikhail Lesin, trovato senza vita lo scorso novembre in un hotel di Washington, sarebbe stata causata da un fortissimo trauma alla testa e da altri colpi alle gambe e al torso.

Lo scrive il Washington Post, riportando un rapporto del medico legale confermato dalla polizia della capitale statunitense.

Il sospetto è che Lesin, che era stato a capo del gruppo Gazprom-Media e uno dei più stretti collaboratori del leader del Cremlino Vladimir Putin, non sia deceduto a causa di un attacco cardiaco, la versione finora data dai familiari, ma sia stato ucciso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS