Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il surplus delle partite correnti in Giappone segna un calo del 18,8% annuo nel 2014, a quota 2630 miliardi di yen (20,6 miliardi di franchi), ai minimi dal 1985, anno di inizio della raccolta dei dati su base omogenea.

Secondo il ministero delle finanze, lo scorso anno segna un deficit commerciale record di 10'370 miliardi di yen, scontando soprattutto l'indebolimento dello yen (dell'8,3% medio sul dollaro e dell'8,2% sull'euro) e le crescenti importazioni di combustibili fossili a seguito del blocco delle centrali nucleari dopo la crisi di Fukushima del 2011.

L'export sale del 9,3%, a 74'120 miliardi di yen, a fronte di un import in aumento del 10,3%, a 84'490 miliardi. Il ritorno sugli investimenti esteri raggiunge i 18'070 miliardi (+9,7%).

Solo a dicembre, il surplus delle partite correnti si attesta a 187,2 miliardi di yen.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS