Navigation

Giappone: 75esimo Seconda Guerra Mondiale, "profondo rimorso"

La cerimonia si è tenuta alla Nippon Budokan Hall nel rispetto del distanziamento sociale. Keystone/AP Kyodo News sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 agosto 2020 - 11:54
(Keystone-ATS)

"Profondo rimorso" per le azioni compiute dal Giappone durante la Seconda Guerra Mondiale è stato espresso dall'imperatore Naruhito nella cerimonia per i 75 anni della fine del conflitto mentre il premier Shinzo Abe ha promesso che "la tragedia non sarà mai ripetuta".

Quest'anno le commemorazioni si sono tenute in forma ridotta a causa della pandemia di coronavirus. "Ripensando al lungo periodo di pace del dopoguerra, riflettendo sul nostro passato e tenendo presente i sentimenti di profondo rimorso, spero vivamente che le devastazioni della guerra non si ripetano mai più", ha detto l'imperatore davanti al memoriale di Tokyo alla presenza di sole 500 persone, rispetto alle 6'000 dello scorso anno.

Quattro ministri del governo - tra i quali quello dell'istruzione - si sono invece recati in visita al controverso tempio di Yasukuni, dedicato a diverse figure politiche di spicco condannate per crimini di guerra e a 2,5 milioni di caduti giapponesi. Era dal 2016 che un politico non si recava al tempio.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.