Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le autorità giapponesi hanno confermato la presenza di iodio radioattivo in prodotti alimentari nella zona della centrale nucleare accidentata di Fukishima e stanno valutando l'opportunità di fermare la vendita di questi generi provenienti dall'area: è quanto ha reso noto l'Agenzia atomica internazionale (Aiea) oggi a Vienna.

"Sebbene lo iodio radioattivo abbia una durata di circa otto giorni e si decomponga naturalmente in alcune settimane, c'è un rischio a breve termine per la salute umana se viene assorbito attraverso il cibo", si legge in comunicato dell'Agenzia.

Per contrastare la contaminazione degli alimenti, le autorità hanno cominciato da tre giorni a distribuire pillole o sciroppo di iodio stabilizzato agli abitanti evacuati per un raggio di circa 20 km dalla centrale disastrata. Lo iodio stabilizzato (non radioattivo) serve a prevenire il cancro della tiroide in caso di esposizione a radiottività. Rischio che è particolarmente alto per bambini e giovani.

In un briefing, il responsabile Graham Andrew ha detto che continuano gli sforzi per ripristinare oggi la corrente al reattore 2 da cui poi verrebbe fatta arrivare anche al blocco 1. Non si sa però "se le pompe dell'acqua sono danneggiate e se funzioneranno quando l'elettricità sarà riattivata". Andrew ha anche confermato che lunedì il direttore generale dell'Agenzia, il giapponese Yukiya Amano, atteso a Vienna di rientro dal Giappone, terrà una conferenza stampa per informare sull'esito del suo viaggio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS