Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si restringe il rosso del bilancia commerciale in Giappone per l'intero 2015 grazie alla riduzione delle quotazioni del greggio, e malgrado il rallentamento delle esportazioni.

Il deficit nel 2015 si assesta a 1.080 miliardi di yen (8,7 miliardi di euro), una riduzione dell'88% rispetto all'anno precedente. Si tratta comunque del quinto anno consecutivo in rosso per la bilancia commerciale giapponese, largamente imputabile alle sostenute importazioni di petrolio e combustibili fossili necessari per compensare l'arresto delle centrali nucleari nel dopo Fukushima.

Il calo delle esportazioni su base annua è dello 0,7%, la prima riduzione in 3 anni, per via delle stagnazione dei consumi negli Stati Uniti e in Cina, principali mercati di sbocco per le merci del paese del Sol Levante. In particolare con la Cina il deficit del commercio è cresciuto a una cifra record e per il quarto anno consecutivo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS