Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un condannato a morte è stato impiccato questa mattina in Giappone: è la prima esecuzione di quest'anno e la nona dal ritorno dei conservatori al potere nel dicembre 2012. Lo ha annunciato il ministero della Giustizia.

Le ultime esecuzioni risalgono a dicembre e settembre 2013, ed è la quinta volta che il governo Abe procede ad impiccagioni in un anno e mezzo.

A subire l'esecuzione è stato un uomo di 68 anni, Masanori Kawasaki, giudicato colpevole di un triplice omicidio sette anni fa, quello di sua cognata e dei suoi due figli. Stessa sorte sarebbe toccata ad un altro condannato, Shigeo Okazaki, 60 anni, morto però per un arresto respiratorio solo qualche ora prima dell'esecuzione.

Secondo i media, nel corridoio della morte in Giappone restano 128 condannati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS