Navigation

Giappone: fiamme distruggono il castello Shuri del XVI secolo

Il castello in fiamme KEYSTONE/AP Kyodo News/TOMOMI TOMITA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 ottobre 2019 - 15:53
(Keystone-ATS)

Un vasto incendio, divampato all'alba per ragioni ancora sconosciute, ha ridotto in cenere l'edificio principale del castello Shuri, una delle principali attrazioni turistiche sull'isola di Okinawa dichiarato nel 2000 Patrimonio mondiale dell'Unesco.

Circa 100 vigili del fuoco sono riusciti ad avere la meglio delle fiamme dopo una battaglia di oltre 10 ore. Nessuno è rimasto ferito. Lo riporta la Bbc.

Il castello risale a 500 anni fa, ma fu quasi completamente distrutto dai bombardamenti americani durante la seconda guerra mondiale, mentre la struttura attuale è una ricostruzione in legno di quella originale. Fino agli anni '70 il castello è stato adibito a campus per la più grande Università pubblica di Okinawa.

"Le numerose strutture in legno e la lacca (recentemente riapplicata) hanno contribuito a diffondere l'incendio rapidamente", ha raccontato uno dei soccorritori al quotidiano locale Asahi Shimbun.

Il castello, che domina la città, "ha per noi un significato divino", ha riferito la sindaca Mikiko Shiroma all'emittente pubblica NHK, sottolineando che "sarà necessario un grande lavoro per ricostruirlo" e che "faremo tutto quanto in nostro potere" perché ciò avvenga.

Il castello Shuri figurava come una sosta sulla rotta della torcia olimpica di Tokyo del 2020.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.