Navigation

Giappone: prosegue marcia tifone Haishen nel Kyushu

In Giappone, a 1,6 milioni di persone è stato ordinato di lasciare la propria abitazione. KEYSTONE/EPA/JIJI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 settembre 2020 - 10:20
(Keystone-ATS)

Prosegue la marcia del tifone Haishen lungo la fascia sudoccidentale dell'arcipelago del Giappone, nella regione del Kyushu, dove rimane elevato il livello di allerta.

Un ordine di evacuazione che riguarda 1,6 milioni di persone è stato emesso nelle prefetture di Fukuoka, Saga, Nagasaki, Kumamoto, Oita e Kagoshima. Le autorità avvertono sui rischi di frane, esondazioni dei fiumi e la possibilità di allagamenti in aree a bassa quota.

Alle 9.00 del mattino ora locale (le 2.00 in Svizzera) il tifone si trovava a 110 chilometri a nord della città di Tsushima, nella prefettura di Nagasaki, con forti precipitazioni e venti fino a 155 km/h.

Nell'intera regione fino ad ora sono stati segnalati 32 casi di persone ferite a causa di eventi riconducibili al maltempo estremo, mentre si registrano alcuni casi in cui i centri di raccolta per gli sfollati hanno dovuto rifiutare l'accoglienza per ottemperare alle disposizioni anti-Covid-19 sul distanziamento sociale.

Più di mezzo milione di abitazioni sono senza la corrente elettrica e circa 580 voli sono stati cancellati per tutta la giornata di lunedì, così come i servizi dei treni veloci Shinkansen tra Hakata e Hiroshima.

Tifone giunto in Corea del Sud

Intanto, dopo il Giappone, il tifone Haishen si è abbattuto sulla Corea del Sud, riporta la Bbc.

Sono più di 300 i voli cancellati da dieci aeroporti e alcuni servizi ferroviari sono stati sospesi. I forti venti hanno causato interruzioni dell'energia elettrica in quasi 5000 abitazioni sulla punta meridionale della penisola coreana, inclusa l'isola turistica di Jeju. In tutta la zona è stato emessa un'allerta anche se, secondo il servizio meteorologico nazionale, il tifone si sta indebolendo.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.