Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

TOKYO - L'ultima frontiera del bio-combustibile sono i pannoloni per anziani. Una società giapponese, la Super Faiths di Tokyo, ha messo a punto una macchina, la Sfd, che automaticamente ricicla, asciuga e sterilizza i pannoloni usa e getta trasformandoli in materiale privo di batteri e pronto ad essere utilizzato come combustibile per caldaie a biomassa e stufe.
In una società come quella nipponica, dove la popolazione anziana con almeno 65 anni di età continua a crescere (29 milioni di unità nel 2009, il 22,7% del totale), l'azienda ha trasformato in un business, il cui potenziale è ancora tutto da scoprire, il problema dello smaltimento di tonnellate di pannoloni usati negli ospedali e nelle case di cura destinati alle discariche o a essere inceneriti.
In un ospedale di Machida, nella zona occidentale di Tokyo, Super Faiths ha impiantato due Sfd, grandi più o meno come due container, che trattano un combinato di oltre 600 chili di carta di pannoloni usati al giorno raccolti in sacchi di plastica, completando il ciclo di trasformazione in circa un giorno.
Il materiale fibroso trattato è un terzo del peso e del volume dei sacchi, capace di sviluppare 5'000 kcal/kg di calore: "è l'elemento base per un super combustibile ad alta efficienza", assicura la società.

SDA-ATS