Navigation

Giappone: tribunale ordina fermo centrale nucleare Ikata

L'Alta corte di Hiroshima ordina lo stop delle attività alla centrale atomica di Ikata, a ovest dell'arcipelago (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/Koji Sasahara sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 gennaio 2020 - 09:46
(Keystone-ATS)

L'Alta corte di Hiroshima mette in dubbio la valutazione dell'Autorità di regolamentazione del nucleare in Giappone e per la seconda volta ordina lo stop delle attività alla centrale atomica di Ikata, nella prefettura di Ehime, a ovest dell'arcipelago.

In base alla decisione del tribunale, l'operatore Shikoku Electric Power dovrà chiudere il reattore numero 3 a causa dei rischi posti dalla vicinanza del vulcano Aso, circa 130 chilometri, e i dubbi sull'adeguatezza delle misure di sicurezza nell'eventualità di un'eruzione. Il reattore, attualmente spento per un controllo di manutenzione, doveva essere riavviato a fine aprile.

È la seconda volta che la stessa corte boccia il funzionamento dell'impianto di Ikata. Nel dicembre 2017, sempre citando i rischi di un'eruzione del vulcano Aso, aveva bloccato il funzionamento della centrale per poi ribaltare la sentenza in appello, un anno dopo.

A distanza di 9 anni dalla catastrofe di Fukushima, solo 9 dei 42 reattori presenti in Giappone, distribuiti su 5 centrali nucleari, hanno ricevuto l'autorizzazione al riavvio delle operazioni. Prima del 2011 il Paese generava circa il 30% del proprio fabbisogno energetico dall'atomo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.