Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La situazione nella centrale accidentata di Fukushima si evolve "nella giusta direzione", secondo quanto indicato dall'Aiea a Vienna. In dichiarazioni alla stampa, il responsabile Graham Andrews ha detto che "le cose si stanno evolvendo nella giusta direzione", sono in atto tentativi di ripristinare la corrente e in parte sono riusciti. Andrews ha comunque aggiunto che possono sempre intervenire imprevisti e che quindi non si può escludere il rischio che la situazione "peggiori".

Mentre nei reattori da 1,2,3,4 la situazione rispetto a ieri è pressochè immutata, e comunque non peggiorata, nel 5 e 6 la temperatura è aumentata di circa quattro gradi negli ultimi giorni. (Un aumento di 1,5 gradi al giorno non è considerato drammatico dall'Aiea).

La situazione è "un pò preoccupante", ha detto Andrews sottolineando però che in entrambi i reattori la temperatura è ancora molto lontana dal punto di ebollizione. I satelliti mostrano anche che i reattori 5 e 6 non presentano segni visibili di gravi danni e dal blocco 2 non esce neanche più fumo: "un buon segnale", ha detto.

L'esperto ha ribadito inoltre che l'incidente a Fukushima non è paragonabile a Cernobyl: "quel che vediamo oggi non è una fuga massiccia di radioattività, nè una diffusione attorno al pianeta". Troppo presto comunque per revocare l'allarme, non si può escludere l'imprevisto, ha messo in guardia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS