Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Scontri sono scoppiati stasera a Gibuti fra alcune migliaia di manifestanti che chiedono la fine del regime del presidente Ismael Omar Guelleh e la polizia che ha usato lacrimogeni. Lo constatano fonti giornalistiche sul posto.

I disordini sono iniziati in serata fuori dallo stadio Guled, dove i manifestanti si erano radunati nel pomeriggio, su appello del principale partito d'opposizione, l'Unione per l'alternanza democratico (Uad), per chiedere la fine del regime del presidente Guelleh. La manifestazione, fino all'uscita dallo stadio, si era svolta in tranquillità.

La polizia ha sparato lacrimogeni e i manifestanti hanno risposto con il lancio di sassi. Almeno due automobili sono state date alle fiamme, constatano fonti giornalistiche, mentre molte altre hanno avuto i finestrini frantumati. Le altre vie della città sembrano deserte, percorse in velocità da mezzi della polizia con le sirene spiegate.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS