Navigation

Ginevra: Cassis incontra segretario di Stato francese

Il segretario di Stato francese agli affari esteri Jean-Baptiste Lemoyne (a sinistra), il consigliere federale Ignazio Cassis e il consigliere di Stato ginevrino Antonio Hodgers, discutono con guardie di confine alla dogana di Thonex-Vallard (GE) al termine dell'incontro bilaterale franco-svizzero KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 giugno 2020 - 17:00
(Keystone-ATS)

Il consigliere federale Ignazio Cassis ha incontrato oggi a Ginevra Jean-Baptiste Lemoyne, segretario di Stato del ministro degli affari esteri francese Jean-Yves Le Drian.

Impossibilitato ad essere presente di persona, il ministro francese Le Drian ha avuto un colloquio telefonico con l'omologo svizzero. L'incontro "ha permesso di sottolineare l'efficacia della cooperazione transfrontaliera durante la crisi del coronavirus", si legge in una nota del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Quella di Ginevra è stata l'ultima tappa del cosiddetto "Tour delle frontiere" che la scorsa settimana aveva portato Cassis a Chiasso e a Kreuzlingen (TG). Il capo del DFAE aveva incontrato rappresentanti di Italia, Austria, Germania e Liechtenstein ed ha così potuto constatare in prima persona la ripresa della mobilità ai confini.

All'incontro di Ginevra, il consigliere federale ticinese era accompagnato dal presidente del Consiglio di Stato ginevrino Antonio Hodgers e dal Segretario di Stato Roberto Balzaretti.

"Vorrei innanzitutto esprimere la mia solidarietà alle popolazioni che vivono in questa regione di frontiera", ha affermato Cassis durante una visita alla dogana di Thônex-Vallard. La fine di un periodo difficile non segna però la fine del virus.

"Dovremo imparare a conviverci e a rispettare le norme di igiene e le distanze sociali per evitare una nuova diffusione", ha detto ancora Cassis, ricordando che la cooperazione a livello europeo, ed in particolare fra Paesi confinanti, resterà un elemento essenziale di questa "nuova normalità".

Il capo del DFAE ha inoltre informato il Segretario di Stato francese sullo stato di avanzamento del dossier europeo, auspicando che le future discussioni fra Svizzera e UE possano proseguire sulla via del pragmatismo emerso nella gestione comune della pandemia.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.