Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un migliaio di manifestanti hanno chiesto oggi a Ginevra la cessazione immediata del "massacro" della popolazione civile palestinese nella Striscia di Gaza.

I manifestanti sono sfilati in corteo dal centro città a Palazzo Wilson, sede dell'Alto commissariato dell'ONU per i diritti umani, scandendo slogan di protesta quali "liberate la Palestina" e "no al terrorismo di stato di Israele".

Gli organizzatori - il partito socialista ginevrino e una trentina di organizzazioni di sinistra - hanno invitato il Consiglio federale a condannare "il massacro della popolazione civile palestinese" e reclamato la fine del "blocco disumano della Striscia di Gaza".

La Svizzera, secondo i manifestanti, deve esercitare pressioni politiche e varare sanzioni diplomatiche ed economiche per spingere Israele a cessare l'offensiva nella Striscia. Deve inoltre interrompere la collaborazione militare con lo stato ebraico e rinunciare al progettato acquisto di droni israeliani. Durante la manifestazione non sono stati segnalati incidenti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS