Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Vittoria di prestigio per Ginevra e la Svizzera. Gli Stati membri del Trattato sul commercio internazionale delle armi (TCA), riuniti a Cancun (Messico), hanno scelto la città di Calvino quale sede del suo segretariato permanente.

Lunedì scorso, il consigliere federale Didier Burkhalter si era recato nella città messicana per esporre i vantaggi della candidatura elvetica. Alla fine Ginevra l'ha spuntata su altre due città candidate, ovvero Vienna e Port of Spain (Trinidad e Tobago).

Il segretariato sarà costituito da una piccola struttura di cinque persone, ma potrebbe essere gradualmente ingrandito. "La Svizzera, che ha sostenuto l'ubicazione del segretariato a Ginevra, si impegnerà attivamente nell'attuazione del Trattato", ha indicato oggi in una nota il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Il Trattato, adottato il 2 aprile 2013 dall'Assemblea generale dell'ONU, è stato firmato da 130 Stati e ratificato da 72, tra cui la Confederazione. Esso definisce per la prima volta gli standard internazionali per la compravendita delle armi, legandoli al rispetto dei diritti umani: l'intesa non controlla l'uso domestico, ma chiede che gli Stati membri si dotino di normative nazionali sul trasferimento delle armi convenzionali, tra cui carri armati, aerei e navi da guerra, veicoli da combattimento, artiglieria, elicotteri, missili, razzi a lunga gittata, ma anche fucili, pistole e munizioni.

È previsto inoltre il divieto, per gli Stati che ratificano il trattato, di trasferire armi in caso di violazione di un embargo, atti di genocidio, crimini contro l'umanità e crimini di guerra.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS