Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Esercitando il suo diritto di iniziativa cantonale, il Gran consiglio ginevrino chiede all'Assemblea federale di decidere sul rimborso automatico dell'IVA indebitamente percepito dall'UFCOM sul canone radiotelevisivo.

Una risoluzione in tal senso è stata approvata oggi dai deputati ginevrini. "Quando si compiono degli errori, si correggono", ha dichiarato il deputato del Movimento dei cittadini ginevrini (MCG) Christian Flury, primo firmatario. La cifra riscossa tra il 2005 e il 2015 è dell'ordine di 110 franchi a testa e concerne tre milioni di economie domestiche e 110 mila aziende. Accolta quasi all'unanimità, la risoluzione chiede che il rimborso avvenga automaticamente, senza dover intraprendere procedure particolari. La questione è tuttavia ancora pendente davanti al Tribunale federale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS