Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MILANO - I due giganti delle scommesse online PartyGaming e Bwin hanno deciso di fondersi e creare il più grande operatore del gioco online al mondo con piattaforme che variano dalle sale da poker ai casinò virtuali. La proposta è arrivata da PartyGaming, società con sede a Gibilterra e quotata a Londra. E Bwin, società austriaca presente alla Borsa di Vienna, ha accettato.
I contatti tra le due società, riporta Bloomberg, erano in corso da oltre un anno. Il gruppo che nascerà dalla fusione dei due operatori vedrà i soci di Bwin possedere il 51,6% del capitale, mentre gli azionisti di PartyGaming il 48,4%.
La fusione darà vita ad un colosso da 3,3 miliardi di dollari quotato alla borsa di Londra. Il gigante inglese ha una capitalizzazione di 1,64 miliardi di dollari, a cui si aggiungono gli altri 1,67 miliardi di dollari del gruppo austriaco. La nuova società sarà guidata dai rispettivi amministratori delegati, Jim Ryan (PartyGaming) e Norbert Teufelberger (Bwin).
In particolare, l'operazione messa a punto è un "merger of equals", ovvero una fusione per unione in cui i soci delle due società a fronte dell'annullamento delle azioni della vecchia società riceveranno in cambio azioni della nuova realtà.
La fusione punta a creare un gruppo con un giro d'affari pro-forma derivante dal business dei giochi on-line pari a 682 milioni di euro e un utile ante-imposte di 196 milioni di euro.
Le azioni di PartyGaming stanno volando a Londra, con un rialzo del 24% (dopo aver segnato un +30% in mattinata). Restano sospesi invece i titoli Bwin a Vienna, che stamani ernao balzati del 12% subito dopo la proposta di fusione resa nota dalla concorrente britannica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS