Navigation

Giordania: attaccato convoglio re, nessun ferito

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 giugno 2011 - 15:18
(Keystone-ATS)

Il convoglio a bordo del quale il re di Giordania Abdallah stava recandosi nella città di Tafileh, nel sud, è stato attaccato con bottiglie vuote e pietre da un gruppo di ragazzi. Lo ha detto una fonte dei servizi di sicurezza all'Afp precisando che non ci sono stati feriti.

"Una parte del convoglio del re è stato attaccato con pietre e bottiglie vuote da un gruppo di ragazzi tra i 20 e i 30 anni dopo che l'auto del re era entrata a Tafileh", ha detto la fonte aggiungendo: "Nessuno è rimasto ferito e il corteo ha modificato il suo percorso". Una fonte nel Palazzo reale ha confermato che non ci sono stati feriti. A fine maggio un gruppo denominato "i giovani di Tafileh" aveva indetto una manifestazione nella città per chiedere la caduta del governo e denunciare la corruzione. In Giordania è attivo da gennaio un movimento di protesta per reclamare riforme politiche ed economiche.

Un portavoce del re ha smentito che il convoglio del sovrano sia stato attaccato, ma secondo quanto hanno riferito testimoni, alcune persone sono rimaste leggermente ferite in tafferugli con la polizia, quando decine di persone hanno tentato di entrare in un luogo dove Abdallah II si trovava nell'ambito di una visita nel sud del Paese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?