Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel suo messaggio in occasione della "Giornata internazionale di commemorazione in memoria delle vittime dell'Olocausto", il presidente della Confederazione Ueli Maurer ha voluto sottolineare la necessità di opporsi "sempre a tendenze totalitarie e anti-democratiche e a impegnarci a favore di un ordinamento libero, democratico e conforme allo Stato di diritto".

A tutte le vittime di crimini terribili, "va il mio deferente ricordo", ha dichiarato il consigliere federale citato in una nota del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS).

"Il 10 ottobre 2010 ho visitato il memoriale dell'Olocausto di Yad Vashem a Gerusalemme. Nella ëSala della Memoriaû ho ravvivato la fiamma del ricordo per le vittime dell'Olocausto e ho deposto una corona di fiori. Infine, ho scritto nel libro d'onore la frase ëMai più!", precisa il comunicato.

Maurer ha anche voluto rendere omaggio a "un'intera generazione di donne e uomini coraggiosi", che hanno permesso alla Svizzera di rimanere un paese libero e democratico in uno dei periodo più bui per l'Europa. Agendo in questo modo, "la Svizzera è diventata un'ancora di salvezza per molte persone perseguitate e in pericolo".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS