Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Venerdì prossimo, in occasione della Giornata mondiale del libro, in Svizzera si terranno 500 manifestazioni volte ad avvicinare il pubblico alla lettura e alle tematiche dello scrivere. Il motto scelto per questa edizione recita: "La Svizzera legge. E tu?". .
L'idea della Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore trae origine in Catalogna dove, il 23 aprile, festa di San Giorgio, viene offerta una rosa per ogni libro venduto. La data ha inoltre un particolare valore simbolico poiché il 23 aprile del 1616 vennero a mancare contemporaneamente Cervantes e Shakespeare.
Attraverso celebrazioni in tutto il mondo, l'UNESCO intende pagare un tributo universale ai libri e agli autori, incoraggiando il piacere della lettura ed il rispetto per l'insostituibile ruolo di coloro che hanno costruito il progresso sociale e culturale dell'umanità.
In Svizzera numerosi eventi che ruotano attorno al libro e alla lettura sono organizzati in biblioteche, scuole e librerie. "Lo scopo è di attirare tutti i settori della popolazione e di suscitare in loro l'entusiasmo per la lettura e i media, per così dire si tratta di attivare la società dell'informazione", sottolinea Christine Schaad Hügli, segretaria di Biblioteca Informazione Svizzera.
Un invito già colto e con molta originalità a Bellinzona, Biasca, Breganzona, Lodrino e Mendrisio, dove vengono proposti ad esempio spettacoli, letture all'aperto e incontri attorno al morbo di Alzheimer.
La Federazione svizzera Leggere e Scrivere intende ricordare all'opinione pubblica e alle autorità l'urgenza di affrontare la questione dell'illetteratismo. Vuole attirare l'attenzione sulle gravi lacune nelle competenze di lettura e scrittura di 800 mila persone in Svizzera e sulla necessità di agire.
A tale proposito ha promosso un appello alle autorità federali in cui si afferma che "la lettura e la scrittura sono dei beni fondamentali; il fossato tra coloro che sanno e coloro che non sanno non si deve ulteriormente allargare; l'accesso alla scrittura deve essere garantito a tutti".

SDA-ATS