Navigation

Giorno Memoria: Rivlin, molti polacchi aiutarono nazisti

Il presidente israeliano Reuven Rivlin oggi durante la conferenza stampa. KEYSTONE/EPA/mr MS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 gennaio 2020 - 17:04
(Keystone-ATS)

"Ricordiamo che durante la guerra il popolo polacco combatté con coraggio e forza contro la Germania nazista. Ma ricordiamo anche che molti polacchi stettero con i nazisti ed anche furono d'aiuto nell'omicidio degli ebrei".

Lo ha detto il presidente israeliano Reuven Rivlin oggi ad Auschwitz per il 75esimo anniversario della liberazione dopo l'incontro bilaterale con il capo di Stato polacco Andrzej Duda.

Poco prima Rivlin aveva sottolineato - secondo un comunicato diffuso dal suo ufficio in Israele - che si santificherà per sempre "il coraggio dei Giusti fra le Nazioni, inclusi migliaia di polacchi, che rischiarono le loro vite per salvare gli ebrei. Ma dobbiamo anche ricordare e rammentare che queste nobili persone furono troppo poche, più deboli della Germania nazista che fece della Polonia il più grande luogo di sterminio degli ebrei. La Polonia, il posto dove il popolo ebraico fiorì per secoli, divenne il suo più grande cimitero".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.