Navigation

Giudice del Texas che picchia figlia, video sbanca Youtube

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 novembre 2011 - 21:44
(Keystone-ATS)

Un giudice texano, William Adams, che picchia violentemente con una cintura la figlia Hillary. Un normale caso di violenza familiare se non fosse che la ragazza ha filmato segretamente il padre mentre la percuote lungo tutto il corpo. E a sette anni di distanza dal fatto, ha deciso di 'postarè quel video lungo oltre 7 minuti su Youtube, un filmato che in poche ore ha sbancato la rete.

Stamattina ha superato i due milioni di contatti, un numero che anche per la citazione continua sui media Usa, è destinato certamente a salire. La ragazza, che oggi ha 23 anni, ha riconosciuto di avere qualche rimorso per aver preso questa decisione: "Ammetto che ho qualche ripensamento, tenuto conto che molti pensano ancora che mio padre sia una brava persona. Tuttavia - ha aggiunto Hillary - tanti altri mi hanno detto che ho fatto bene. Mio padre non mi ha picchiato solo quella volta, accadde spesso per un periodo di tempo. Oggi, ad anni di distanza, credo che sia una persona che abbia bisogno di aiuto". O

ra l'uomo è sotto inchiesta dalla polizia e rischia una denuncia per abusi e maltrattamenti. Dopo che il video ha fatto il giro del mondo ha ammesso di aver sbagliato e di aver perso la testa. Nel frattempo, due anni fa, si è separato dalla moglie dopo 22 anni di matrimonio. E ora, alla luce del disonore, nelle ultime ore sta ricevendo minacce telefoniche e il fax del suo ufficio è invaso di proteste. Per la cronaca, il giudice decise di frustare la figlia, irritato dal fatto che usasse Internet senza la sua autorizzazione. E ora, a sette anni di differenza, la nemesi.

Rischia il posto e anche la galera, proprio perchè stavolta sì la figlia ha utilizzato il web, anzi Youtube, a sua insaputa. Ma stavolta le botte non servono più.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?