Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La giustizia argentina ha deciso il sequestro di 156,4 milioni di dollari di beni di compagnie petrolifere britanniche e americane per lo sfruttamento illegale di giacimenti al largo delle isole Falkland.

Le isole, sotto sovranità britannica, sono rivendicate dall'Argentina come isole Malvinas.

Il provvedimento deciso dal giudice federale Lilian Herraez, nella città di Rio Grande, riguarda le compagnie Falkand Oil and Gas Limited (FOGL), Edison International SPA, Noble Energy Inc. e la sua filiale Noble Energy Falkland Limited, Premier Oil plc y Rockhopper Exploration plc.

Con il suo ordine, il giudice stabilisce la possibilità di ordinare il sequestro di quattro imbarcazioni e una piattaforma appartenenti a queste imprese.

Il pronunciamento è giunto in seguito ad una denuncia del governo argentino "per i gravi e irreparabili danni ambientali prodotti da attività petrolifere illecite". L'ordine del giudice sarà inoltrato al ministero degli Esteri perché lo trasmetta ai tribunali dei paesi interessati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS