Glattfelden (ZH): schede incendiate, si può chiedere duplicato

Una dozzina di schede voto incendiate a Glattfelden (ZH). Si può chiedere un duplicato, hanno fatto sapere le autorità (foto simbolica). KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 ottobre 2019 - 12:11
(Keystone-ATS)

La cassetta delle lettere del palazzo comunale di Glattfelden - comune di 5000 abitanti nel canton Zurigo - ha preso fuoco domenica scorsa. Chi avesse depositato nella cassetta la sua busta elettorale ha ora la possibilità di richiedere un duplicato.

Dell'incendio, scoppiato domenica mattina, ha riferito per primo il quotidiano "Zürcher Unterländer". Il "Tages Anzeiger" ritorna oggi sull'argomento, riportando le dichiarazioni del sindaco Ernst Gassmann, il quale ha precisato che la polizia cantonale ha aperto indagini e segue la pista del dolo.

Le fiamme sono state domate in breve tempo dal comandante dei pompieri del comune e del contenuto della cassetta è rimasto soltanto "un mucchietto di cenere", ha detto Gassmann.

Visto che l'incendio è avvenuto a due settimane dalle elezioni federali, le autorità stimano che la cassetta potesse contenere una dozzina di schede di voto. "Il risultato elettorale non rischia di venire alterato", ha precisato il sindaco.

Le autorità comunali hanno nel frattempo chiarito la questione in collaborazione con l'ufficio cantonale di statistica - responsabile per le questioni legate alle procedure di voto - e invitano i cittadini che avessero depositato la propria busta elettorale fra venerdì e domenica a farsi avanti.

Dei duplicati saranno consegnati a chi si presenta personalmente negli uffici comunali e rilascerà la propria firma. Nel suo avviso, il comune rende peraltro attenti i cittadini che il doppio voto è punibile per legge.

Interpellato da Keystone-ATS, Stefan Langenauer, responsabile dell'Ufficio di statistica del canton Zurigo, definisce corretto il comportamento del Comune di Glattfelden. "In caso di smarrimento, gli aventi diritto possono chiedere al proprio comune un duplicato delle schede di voto. Per evitare che una persona voti due volte, il comune deve inoltre controllare le schede ricevute", dichiara Langenauer. Nel canton Zurigo lo 0,5 per mille degli elettori si avvalgono di questa possibilità.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo