Il colosso delle materie prime Glencore nel primo semestre dell'anno è ritornato in zona utili: al netto, il guadagno è stato di 1,72 miliardi di dollari (1,56 miliardi di franchi), a fronte di una perdita di 9,39 miliardi un anno prima. L'utile operativo EBITDA si è attestato a 6,46 miliardi (+8%), riferisce un comunicato odierno dell'azienda con sede a Baar (ZG).

Il risultato operativo EBIT del gruppo zughese ha raggiunto i 3,62 miliardi di dollari, contro i 2,07 miliardi dei primi sei mesi del 2013. Il volume d'affari è ammontato a 114,06 miliardi di dollari, rispetto ai 112,04 miliardi un anno prima.

I "risultati solidi" sono dovuti ad una buona produzione e alle sinergie sorte dalle acquisizioni di Xstrata e della canadese Viterra, viene spiegato nella nota. La fusione con Xstrata, ed i conseguenti ammortamenti, aveva pesato sui risultati del primo semestre del 2013.

Riguardo al futuro l'azienda di Baar si dice ottimista, ma non fornisce valutazioni sulle cifre che intende realizzare.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.