Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli azionisti di Xstrata e Glencore decideranno domani se approvare la fusione dei due giganti delle materie prime. Ma il voto non cambierà nulla: queste multinazionali continuano a violare i diritti umani, ad abusare dell'ambiente e delle popolazioni autoctone. È il grido d'allarme lanciato oggi da alcune ONG, che invitano i due giganti a cambiare politica e chiedono a Governo e Parlamento di intervenire con misure concrete.

Se la fusione andrà a buon fine si assisterà alla nascita di una mega-società "che sarà presente nello sfruttamento di praticamente tutte le materie prime (petrolio, carbone, rame, cobalto, prodotti agricoli,...)", sottolineano in una nota congiunta la Società per i popoli minacciati, Multiwatch, il Gruppo di lavoro Svizzera-Colombia (ask!) e l'Alternativa verde del Canton Zugo.

Anche gli enti assistenziali Pane per tutti e Sacrificio Quaresimale si uniscono al grido d'allarme: il rispetto dei diritti umani e dell'ambiente è stato completamente tralasciato durante le negoziazioni in vista della fusione.

In ogni caso - si legge nel comunicato - bisognerà fare in modo che "vengano rispettati i diritti delle popolazioni interessate" dalle attività delle due società. Glencore e Xstrata - unite o separate - "dovranno assumersi le loro responsabilità nei casi di violazioni dei diritti umani".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS