Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La maggioranza degli svizzeri è contro le aumento progressivo dell'età di pensionamento (immagine simbolica).

Keystone/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Lavorare dopo i 65 anni: non se ne parla proprio. È quanto pensa la maggioranza degli svizzeri. Secondo un sondaggio, più della metà della popolazione (57%) è contro l'aumento progressivo dell'età di pensionamento.

Portare il pensionamento a 67 anni non ha alcuna possibilità di essere accettato dalla popolazione, rileva un sondaggio pubblicato oggi da Le Matin Dimanche e SonntagsZeitung. Dei 13'000 interrogati solo il 27% si è detto favorevole e il 16% è indeciso.

Nessuna categoria d'età in particolare sostiene maggiormente la riforma. Le persone tra i 50 e i 64 anni sono le meno inclini a voler prolungare gli anni di lavoro. E coloro che sono già in pensione non hanno per contro alcuna obiezione a far "sgobbare" più a lungo i giovani.

Stessa tendenza tra i partiti, eccetto che per il PLR e i Verdi liberali: nel primo caso la metà degli intervistati si è detto favorevole ad un aumento, nel secondo invece è il 68% che si è detto contrario. Segue il PS che respinge l'aumento con il 60% di "no".

Attualmente in parlamento viene discusso il progetto "Previdenza della vecchiaia 2020" di Alain Berset, che prevede di portare l'età di pensionamento delle donne a 65 anni. Il prossimo 25 settembre il popolo sarà chiamato ad esprimersi sull'iniziativa della sinistra e dei sindacati "AVSplus: per un'AVS forte", che intende rivalorizzare il peso dell'AVS nel sistema di pensionamento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS