Navigation

Goldman Sachs: caccia 2 banchieri, avevano documenti riservati Fed

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 novembre 2014 - 15:45
(Keystone-ATS)

Goldman Sachs licenzia due banchieri per aver portato documenti riservati dalla Fed di New York all'interno della banca. Lo riporta l'agenzia Bloomberg citando una comunicazione interna.

"Abbiamo tolleranza zero nella gestione impropria di informazioni riservate. Stiamo rivedendo le nostre politiche sulle assunzioni da agenzie governative per assicurarci che siano efficaci" si legge nella nota.

Il riferimento è a uno dei banchieri cacciati che era stato assunto in luglio dalla Fed di New York. I licenziamenti seguono le polemiche scatenate dalle rivelazione di presunta eccessiva "bontà" della Fed di New York nell'esaminare la banca. Secondo quanto riportato dal New York Times, anche la Fed di New York avrebbe di recente licenziato uno dei suoi dipendenti, sospettato di aver condiviso informazioni con un banchiere. "Abbiamo tolleranza zero" per i dipendenti - afferma la Fed - che non proteggono le informazioni riservate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?