Google "oscura" il "revenge porn", ovvero la pubblicazione su internet per vendetta di immagini intime di ex partner, senza il consenso di questi ultimi. Un fenomeno che sta crescendo sul web.

A partire da quest'estate Google comincerà a rimuovere i link ai siti che ospitano questo tipo di materiale. Lo ha annunciato la stessa società.

Il provvedimento verrà applicato su richiesta delle stesse vittime. Google metterà a disposizione una richiesta da compilare online, attraverso la quale si chiede la rimozione dai risultati del motore di ricerca dei link che conducono a tali immagini.

L'intervento resta tuttavia legato al motore di ricerca e non rimuove dal web le immagini. Queste resteranno accessibili a chi ne conosce l'indirizzo web.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.