Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SVITTO - Il governo svittese si oppone a un divieto generalizzato del velo per le donne. Rispondendo oggi a un postulato presentato dall'UDC in Gran consiglio, l'esecutivo ritiene che esso vada troppo lontano e non sarebbe attuabile.
Con "il massiccio estendersi dell'islamizzazione ai paesi occidentali" la cultura cristiana deve essere protetta, era stato argomentato dall'UDC. Il postulato toccherebbe non solo il velo delle donne musulmane ma anche copricapi di determinati ordini (cristiani) o foulard che le donne utilizzano per ripararsi dalla pioggia o dal sole, sottolinea il governo svittese. Per l'esecutivo cantonale sarebbe tutt'al più pensabile un divieto del niqab e del burqa che coprono anche il viso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS