Navigation

Governo svittese contro divieto generalizzato del velo

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 agosto 2010 - 11:01
(Keystone-ATS)

SVITTO - Il governo svittese si oppone a un divieto generalizzato del velo per le donne. Rispondendo oggi a un postulato presentato dall'UDC in Gran consiglio, l'esecutivo ritiene che esso vada troppo lontano e non sarebbe attuabile.
Con "il massiccio estendersi dell'islamizzazione ai paesi occidentali" la cultura cristiana deve essere protetta, era stato argomentato dall'UDC. Il postulato toccherebbe non solo il velo delle donne musulmane ma anche copricapi di determinati ordini (cristiani) o foulard che le donne utilizzano per ripararsi dalla pioggia o dal sole, sottolinea il governo svittese. Per l'esecutivo cantonale sarebbe tutt'al più pensabile un divieto del niqab e del burqa che coprono anche il viso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.