Navigation

Governo Usa chiede a giudice di consentire rimozione WeChat

Il governo degli Stati Uniti ha chiesto al giudice di San Francisco di consentire rimozione WeChat (foto simbolica) KEYSTONE/EPA/ROMAN PILIPEY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 settembre 2020 - 11:08
(Keystone-ATS)

Nelle prime ore di oggi il Dipartimento di Giustizia americano ha chiesto al giudice di San Francisco Laurel Beeler di consentire la rimozione di WeChat dai negozi di applicazioni negli Usa, perché la app cinese rappresenta una "minaccia alla sicurezza nazionale".

Il bando doveva entrare in vigore lo scorso weekend, ma il giudice Beeler lo ha fermato accettando la richiesta di ingiunzione preliminare avanzata da WeChat.

"L'ingiunzione preliminare della Corte consente l'uso senza restrizioni di WeChat, un'applicazione che l'Esecutivo ha stabilito costituire una minaccia per la sicurezza nazionale e la politica estera degli Stati Uniti", è scritto nella richiesta dei legali al tribunale, secondo quanto riporta l'agenzia Bloomberg.

WeChat consentirebbe a Pechino di "sorvegliare il popolo americano, e di raccogliere e utilizzare vaste quantità di informazioni personali degli utenti americani per promuovere i propri interessi".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.