Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il cantone dei Grigioni assume per un anno la presidenza della Comunità di lavoro delle Regioni alpine (Arge Alp).

Il passaggio di consegne dalla Baviera è avvenuto in occasione dell'odierna Conferenza dei capi di Governo. La forza idrica - scrive il Governo retico in una nota - sarà un tema di centrale importanza.

La forza idrica, "fonte di energia più importante dell'arco alpino", è "di grande rilevanza economica per le regioni di montagna", ha spiegato la Presidente del Governo Barbara Janom Steiner durante l'incontro a Lautrach.

In Svizzera mediamente circa il 60% dell'elettricità viene prodotto in centrali idroelettriche. Un quinto proviene dai Grigioni e per il Cantone rappresenta un importante bene di esportazione. Inoltre, il settore impiega sul territorio cantonale oltre 400 collaboratori.

Premio Arge 2017

In occasione della Conferenza dei capi di Governo è stato anche assegnato il premio Arge Alp 2017 per progetti che promuovono l'integrazione nell'arco alpino e contribuiscono a rafforzare la coesione sociale e il senso di appartenenza della popolazione autoctona e immigrata.

Il progetto "Grenzenlose Gastfreundschaft in einem offenen Davos" (ospitalità senza confini in una Davos aperta), dell'associazione "Interessengemeinschaft offenes Davos" (IGoD), ha vinto uno dei tre premi principali per un valore di 6.000 euro.

L'IGod sostiene richiedenti l'asilo e rifugiati ed ogni anno avvia oltre 70 eventi interculturali. "Grazie all'impegno di numerosi volontari, - si legge nel comunicato - nella regione si è sviluppato un atteggiamento fondamentalmente positivo nei confronti dei rifugiati".

Premiato con una menzione speciale anche un progetto della Cooperativa Baobab di Bellinzona che promuove l'integrazione e il sostegno alle famiglie vulnerabili, migranti e locali.

Alla Comunità di lavoro aderiscono i seguenti land, province, regioni e cantoni : Baviera, Grigioni, Lombardia, Salisburgo, San Gallo, Alto Adige, Ticino, Tirolo, Trentino e Vorarlberg. Lo scopo è quello di affrontare, mediante una collaborazione transfrontaliera, problemi e propositi comuni dell'arco alpino, in particolare in campo ecologico, culturale, sociale ed economico.

SDA-ATS