Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

COIRA - Il parlamento grigionese ha messo oggi una pietra sul caso Markus Reinhardt, il 61enne comandante della polizia cantonale suicidatosi lo scorso 26 gennaio alla vigilia del Forum economico mondiale (WEF) di Davos. Il presidente del governo Claudio Lardi ha dichiarato che l'esecutivo accetta le critiche formulate dalla Commissione della gestione (CdG), che ha pubblicato venerdì il suo rapporto sulla vicenda.
Lasciamo in pace il passato e guardiamo al futuro, traendo i dovuti insegnamenti dal caso Reinhardt, ha detto Marcus Caduff (PPD), che ha presieduto la sottocommissione della CdG autrice del rapporto. Quest'ultima ha rilevato che il governo avrebbe dovuto essere più deciso nell'affrontare i problemi di alcolismo del comandante, in particolare il consigliere di Stato Martin Schmid (PLR), predecessore di Barbara Janom Steiner (PBD) alla testa del Dipartimento di giustizia, sicurezza e sanità.
Durante il dibattito durato circa un'ora, è stata lodata la qualità del rapporto di 26 pagine. Tutti i deputati intervenuti, senza distinzioni di partito, hanno rilevato l'importanza di trarre insegnamenti dalla vicenda. Il portavoce del gruppo socialista ha tuttavia criticato Schmid, oggi a capo delle finanze, attribuendogli la maggior parte della responsabilità.
Barbara Janom Steiner ha detto che davanti alla sede della polizia cantonale a Coira sarà piantato un albero in memoria del caso Reinhardt, per simboleggiare che dal passato cresce qualcosa di prezioso per il futuro.

SDA-ATS