Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Autoritratto di Oskar Kokoschka.

Kirchner Museum davos

(sda-ats)

Per la prima volta i due protagonisti dell'espressionismo tedesco e austriaco, Ernst Ludwig Kirchner e Oskar Kokoschka, vengono presentati fianco a fianco in una mostra che sarà inaugurata domenica 19 novembre presso il Kirchner Museum di Davos (GR).

L'esposizione, che resterà aperta al pubblico fino al 22 aprile 2018, è nata dalla collaborazione del Kirchner Museum di Davos con la Fondazione Oskar Kokoschka, con sede a Vevey. Essa riunisce disegni, acquerelli, stampe e dipinti dei due artisti, concentrandosi su opere del periodo dal 1905 al 1938.

Tra i due artisti esistono diversi punti di intersezione, spiega una nota del museo: dallo stile Secession, o Art nouveau, dei loro inizi artistici, ai luoghi in cui erano attivi, come Berlino e Dresda, alla loro stigmatizzazione da parte dei nazisti come "artisti degenerati".

Entrambi, inoltre, per sostenere la loro reputazione di pionieri dell'arte espressionista, cercarono di pre-datare i loro primi lavori. Altro punto in comune l'importante ruolo che la Svizzera svolge nella vita di entrambi, confermato dal fatto che sia il patrimonio di Kirchner che quello di Kokoschka si trovano in Svizzera.

Kokoschka si guadagnò la reputazione di uno dei primi pittori ritrattisti dell'Espressionismo fin da quando, nel 1910, dipinse magnifici aristocratici malati di tubercolosi nel sanatorio del Mont Blanc a Leysin (VD). I dipinti di Kirchner di scene di strada di Berlino degli anni 1913-14, a loro volta, sono considerati il culmine della sua carriera giovanile, dove l'artista, come pochi altri artisti modernisti, è stato in grado di catturare seduzioni e imposizioni della vita della grande metropoli.

Entrambi si sono impegnati molto per plasmare e controllare la propria immagine pubblica: Kokoschka ha fornito ai suoi primi biografi informazioni accuratamente selezionate sulla sua vita e i suoi lavori a condizione che tali informazioni fossero riportate alla lettera. Kirchner inventò addirittura un finto esperto d'arte francese con lo pseudonimo di Louis de Marsalle e attraverso questo espediente cercò di influenzare la percezione della sua opera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS