Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'idea pubblicitaria non ha mancato di suscitare reazioni critiche, soprattutto sui social media.

Keystone/GEMEINDE BERGUEN/

(sda-ats)

Il divieto di fare fotografie emanato martedì a Bergün (GR) verrà abrogato nella prossima assemblea comunale: lo scrive lo stesso Comune in una nota odierna. L'idea pubblicitaria non ha mancato di suscitare reazioni critiche, soprattutto sui social media.

"Bergün è ora conosciuto in tutto il mondo", si legge nel comunicato. Il sindaco Peter Nicolay fa anche sapere che nel paesino di montagna grigionese è da subito nuovamente permesso scattare fotografie.

Il Comune non avrebbe mai immaginato che l'azione pubblicitaria avrebbe suscitato un'eco tanto forte a livello mediatico, prosegue la nota, favorendo la ricerca e la diffusione di foto di Bergün su Google a livello mondiale.

Il divieto verrà abolito nella prossima assemblea comunale, ma il sindaco ha annunciato un permesso speciale per tornare a fotografare sul territorio comunale da subito. Tuttavia, ha aggiunto scherzosamente, "preghiamo di postare foto di Bergün con moderazione, per non rendere infelice nessuno".

L'associazione Grigioni Turismo ha lanciato questa iniziativa in collaborazione con il Comune e con l'associazione Bergün/Filisur Turismo, spiega la nota odierna. Il motivo alla base della contestata iniziativa era stato spiegato così nella nota di martedì: chi non vive o non può recarsi in paesi di montagna altrettanto belli potrebbe sentirsi "infelice" guardando le foto. L'obiettivo reale: guadagnare turisti.

Nella nota odierna il Comune spiega meglio: "Per far sì che un piccolo paese di montagna dei Grigioni come Bergün sia conosciuto al di fuori dei confini nazionali, occorre percorrere strade nuove e sorprendenti".

Il direttore del locale ente turistico, Marc-Andrea Barandun, raggiunto stamattina dall'ats, ha commentato: "Da due giorni i miei tre telefoni squillano contemporaneamente", soddisfatto dell'eco che l'iniziativa ha suscitato nei media anche a livello internazionale. Tuttavia, se l'effetto sortito sia quello voluto è ancora da chiarire. Le reazioni da parte degli utenti dei social media sono infatti contrastanti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS