Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un escursionista di 60 anni ha passato una notte all'addiaccio fra pioggia e nebbia, con gamba rotta e ferite al capo, sul passo del Tomül (2412 metri), tra Vals e la valle di Saifen (GR). L'uomo è stato recuperato in buone condizioni ieri mattina, riferisce oggi la polizia cantonale grigionese.

Domenica, l'escursionista si trovava con la sorella sul sentiero del passo del Tomül, quando si è separato dalla donna per salire sul Piz Tomül/Wissensteinhorn (2946 m). Nella discesa è caduto riportando ferite alla testa e rompendosi una gamba. Ma non si è perso d'animo: si è steccato l'arto con una bottiglia di plastica e una cinghia dello zaino e si è bendato il capo con erba e nastro adesivo, per poi "strisciare" fino al passo, dove in qualche modo ha trascorso la notte fra pioggia e nebbia.

La sorella, non vedendolo rientrare, la sera ha dato l'allarme. Le cattive condizioni atmosferiche hanno però impedito l'uso di un elicottero per le ricerche, presto interrotte dalla decina di uomini a piedi che vi partecipavano. Il gruppo di soccorritori è poi ripartito al mattino trovando finalmente il ferito sul passo. Quest'ultimo è stato dapprima trasportato alla capanna di Falätscha (1947 m) e poi all'ospedale di Coira.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS