Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il governo retico è favorevole ad una candidatura per i giochi olimpici invernali nei Grigioni nel 2022. Chiede quindi in un messaggio al Gran consiglio un credito d'impegno di 8 milioni di franchi per il finanziamento della candidatura.

Inoltre, devono essere costituite riserve per 300 milioni di franchi per progetti d'investimento e costi legati allo svolgimento dei giochi.

Il governo individua, già nella fase di candidatura nei giochi olimpici invernali, opportunità considerevoli per il cantone: aumento della notorietà, effetti positivi per l'industria del turismo, del tempo libero e dello sport, realizzazione di progetti infrastrutturali e quindi miglioramenti economici.

Da una prima stima dei potenziali effetti economici, nei Grigioni saranno spesi tra 1,9 e 2,3 miliardi di franchi. Ciò genererà tra l'altro tra 12mila e 15mila posti di lavoro a tempo pieno nel cantone.

Il budget per la candidatura è di 60 milioni di franchi. Il governo dei Grigioni propone adesso un contributo di 8 milioni di franchi, che si aggiungono ai 30 milioni decisi mercoledì scorso dal Consiglio federale. I comuni di St. Moritz e Davos, dove si devono tenere i giochi, partecipano rispettivamente con cinque e due milioni di franchi. Quindici milioni saranno a carico di Swiss Olympic, che dovrà cercare sponsor.

Il budget per l'organizzazione e la realizzazione prevede spese complessive per 2,8 miliardi di franchi ed entrate per 1,5 miliardi di franchi. Risulta quindi un deficit di 1,3 miliardi di franchi.

Mercoledì scorso, dopo aver approvato la fattibilità tecnica dei giochi, il Consiglio federale aveva deciso un contributo di un miliardo per coprire il deficit dell'Olimpiade stessa. Visto che il Cantone esclude di assumersi il rischio del deficit, il progetto dovrà adesso essere elaborato ulteriormente per poter rispettare il limite massimo di un miliardo di franchi.

Per l'infrastruttura e la sicurezza è previsto inoltre un costo di circa 1,5 miliardi di franchi, di cui oltre 300 a carico del cantone. Quasi due terzi sono investimenti per il traffico stradale e ferroviario.

Molti ostacoli devono ancora essere superati prima della eventuale presentazione di una candidatura al Comitato Olimpico Internazionale (CIO) all'inizio del 2014. In dicembre il tema sarà dibattuto dal Gran consiglio retico. Il popolo grigionese dovrà esprimersi il 3 marzo 2013. Inoltre vi sarà una votazione comunale a St. Moritz e probabilmente anche a Davos. Nel 2013 il tema sarà dibattuto anche dalle Camere federali per il contributo federale. L'organizzatore dei giochi olimpici invernali 2022 sarà designato nel giugno 2015.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS