Navigation

GR: Governo non vuole tariffe indigeni per impianti di risalita

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 gennaio 2012 - 13:40
(Keystone-ATS)

Il Governo grigionese non vuole introdurre una tariffa per indigeni generalizzata per gli impianti di risalita. A chiederlo era il gruppo socialista del Parlamento, che auspicava anche l'applicazione di una tariffa preferenziale per tutti i trasporti pubblici retici e l'introduzione di una comunità tariffale grigionese.

Nella sua risposta scritta trasmessa oggi al Gran Consiglio, il Governo fa notare che nel cantone quasi tutti gli impianti di risalita sono gestiti da imprese private senza mandato di trasporto di diritto pubblico. Le varie aziende sono quindi "libere nella loro politica dei prezzi e si orientano alle condizioni di mercato, dato che si trovano in concorrenza diretta".

Già oggi, inoltre, molte società accordano sconti fino al 50% alle persone domiciliate nei comuni situati nelle immediate vicinanze degli impianti. Una tariffa per indigeni generalizzata e uniforme in tutto il cantone rappresenterebbe invece un intervento eccessivo che distorcerebbe la concorrenza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?