Navigation

GR: minoranza di Commissione per piani energetici comunali

Proposte di minoranza da parte della Commissione del Gran Consiglio per l'ambiente, i trasporti e l'energia sulla revisione parziale della Legge sull'energia del Cantone dei Grigioni. KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 gennaio 2020 - 10:30
(Keystone-ATS)

Una minoranza della Commissione grigionese per l'ambiente, i trasporti e l'energia (CATE) chiede di obbligare i Comuni ad allestire un piano energetico e a far sostituire riscaldamenti e scaldacqua elettrici entro il 2035. Lo indica una nota stampa diramata oggi.

Queste dunque alcune delle riserve emerse nell'esame preliminare della Legge sull'energia del Cantone dei Grigioni (LGE) di cui Keystone-ATS ha riferito lunedì. In relazione alla sostituzione di generatori di calore la minoranza intende introdurre l'obbligo di risparmiare almeno il 20% (anziché il 10%) del fabbisogno energetico determinante.

La stessa minoranza ha chiesto di introdurre nella revisione totale della LGE un obbligo di certificati energetici per gli edifici entro il 2030, oltre a contributi per sistemi di ricarica per veicoli elettrici.

La CATE, presieduta dal granconsigliere Emil Müller (PBD), è entrata nel merito del progetto governativo per adeguarsi al mutato quadro giuridico sulla promozione delle energie rinnovabili e la riduzione delle emissioni di CO2, con dieci voti a uno.

Produzione autonoma di energia e deduzione fiscale

La Commissione sostiene di appoggiare il disegno di legge proposto dal Governo retico, per un "inasprimento moderato" delle prescrizioni edilizie per nuovi edifici, avanzando due proposte accolte all'unanimità: l'obbligo per una produzione autonoma di energia elettrica da parte dei nuovi edifici (alla stregua di quanto proposto dal Governo nel progetto di consultazione) e l'introduzione di una deduzione fiscale per investimenti volti a risparmiare energia o a proteggere l'ambiente. I nuovi edifici dovranno pertanto produrre autonomamente una parte dell'energia elettrica di cui hanno bisogno con eccezioni previste per edifici situati in ubicazioni dove l'irraggiamento solare è scarso o per edifici Minergie.

Il Gran Consiglio retico affronterà la discussione sulla revisione parziale della LGE nella sessione di febbraio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.