Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il WWF ha consegnato oggi al presidente del Governo grigionese Mario Cavigelli una petizione a favore dell'orso M25, che in un mese è stata sottoscritta da 22'509 persone. Il predatore, giunto dall'Italia, era stato avvistato e fotografato per la prima volta il 9 maggio a Zernez e da allora ha scorrazzato tra l'Engadina, la Val Monastero e la Val Poschiavo, sconfinando anche in Valtellina.

Orsi e lupi dovrebbero avere l'opportunità di reinsediarsi in Svizzera, ha affermato alla consegna della petizione "Viva M25" Anita Mazzetta, direttrice del WWF grigionese, riconoscendo peraltro il lavoro fatto dalle autorità nei riguardi degli orsi. Le firme raccolte - ha aggiunto - dovrebbero dare loro il coraggio di continuare questo lavoro migliorando ulteriormente la protezione di mandrie e greggi e il sistema di raccolta dei rifiuti.

Oltre alla petizione, a Cavigelli è stata consegnata una pattumiera a prova di orso del valore di circa 1000 franchi. Il consigliere di Stato ha promesso che la farà collocare in un luogo adatto.

M25, un maschio di due anni, è il nono orso a entrare nei Grigioni in provenienza dal Trentino-Alto Adige dal luglio 2005. Due dei plantigradi sono stati uccisi nel cantone dai guardacaccia, perché erano diventati un rischio per la popolazione.

SDA-ATS