Navigation

GR: Paolo Papa auspica sostegno da parte degli "amici tedescofoni"

Per il deputato calanchino Papa sarà possibile fare dei Grigioni un modello di coesistenza fra le diverse lingue e culture solamente se vi è collaborazione fra italofoni e romanci e comprensione da parte dei tedescofoni. KEYSTONE/ARNO BALZARINI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 febbraio 2020 - 16:35
(Keystone-ATS)

Nell'ambito della discussione di oggi al Gran consiglio retico sul Programma di Governo e sul Piano finanziario 2021-2024, il deputato Paolo Papa ha auspicato un maggior appoggio da parte "degli amici tedescofoni" per valorizzare le "lingue e culture" grigionesi.

Il calanchino, prendendo parola nel dibattito di entrata in materia, ha esortato il Governo a fare di più a favore del triliguismo "istituzionalizzato".

Intervenendo come "rappresentante di una lingua minoritaria", il granconsigliere del PBD non ha nascosto che per la Deputazione del Grigionitaliano le discussioni attorno al programma del Governo hanno generato un elenco di attese che l'esecutivo finora "non ha ritenuto importante avvalorare". Aspettative, ha rilanciato, che saranno presentate "prossimamente sia al Governo che all'opinione pubblica".

Papa ha quindi allargato il discorso alle altre minoranze, compresa la "cultura Valser nella parte tedescofona", parlando di "proficua collaborazione" su "interessi" e "punti comuni" tra le deputazioni grigionitaliana e romancia, di concerto con le rispettive "organizzazioni linguistiche della Pro Grigionitaliano e della Lia Romancia".

Per valorizzare maggiormente le lingue e culture cantonali - ha però ammonito il calanchino - c'è bisogno "della comprensione degli amici tedescofoni del cantone".

Un modello di coesistenza fra le diverse lingue e culture è infatti a suo dire possibile solamente se vi è vicendevole sostegno.

"Solo così faremo dei Grigioni un modello di coesistenza tra le diverse lingue e culture", ha concluso Papa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.