Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sam Smith cala il poker all'edizione numero 57 dei Grammy Awards, gli oscar della musica che si sono tenuti ieri sera a Los Angeles. Rispettati i pronostici, con il trionfo della rivelazione della scorsa stagione Sam Smith, che ha vinto in quattro delle sei categorie in cui aveva ricevuto la nomination: con Stay With Me ha vinto i Grammy per le categorie Record Of The Year, Song Of The Year, Best New Artist e Best Pop Vocal Album.

Il cantante inglese stacca di un Grammy la senatrice di questa kermesse: Beyoncé Knowles, che con tre grammofoni d'oro (migliore performance R&B, migliore canzone R&B con la canzone Drunk in Love e Best Surround Sound Album) è riuscita ad arrivare a quota 20 Grammy in carriera, ma non ha vinto il premio più ambito, e per il quale era data per favorita, ovvero il grammofonino per l'album dell'anno che è andato, a sorpresa, a Beck, vincitore, con il suo Morning Phase, anche del premio per il migliore album rock.

Tra le delusioni di questa edizione ci sono Sia e Katy Perry, tornate a casa a mani vuote nonostante i numerosi brani di successo prodotti quest'anno.

Lo show, caratterizzato da performance molto serie, si è aperto con il ritorno alle scene degli AC/DC, poi Rihanna, Kanye West e Paul McCartney hanno cantato FourFiveSeconds e Lady Gaga che ha duettato con il crooner Tony Bennett. A chiudere lo spettacolo è stata Beyonce, che ha cantato Take My Hand Precious Lord, mentre i ballerini sullo sfondo tenevano le mani alzate in un gesto di resa. Come ogni anno è stata l'associazione di artisti e tecnici statunitensi coinvolti nell'industria musicale, la Recording Academy, a organizzare l'importante evento, giunto alla 57esima edizione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS