Navigation

Gran San Bernardo: cagna partorisce nove cuccioli

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 gennaio 2011 - 14:20
(Keystone-ATS)

Evento straordinario alla Fondazione Barry del Gran San Bernardo di Martigny (VS): la cagna Ivoire ha dato alla luce poco prima di Natale ben nove cuccioli. Normalmente ne nascono solo da due a cinque per volta. Da lunedì potranno essere visti per cinque settimane al Museo dei cani San Bernardo della località vallesana.

I cagnolini - quattro femmine e cinque maschi - nati il 19 dicembre si chiamano Zamba, Zambia, Zaskia, Zorca, Zabro, Zarko, Zasko, Zoltan e Zophus, afferma in una nota odierna Anja Ebener, portavoce della Fondazione. Il parto è durato più di mezza giornata. Alla nascita la bilancia segnava circa 700 grammi, nel frattempo i cuccioli pesano il quintuplo, per arrivare a 50-70 kg una volta adulti.

La Fondazione Barry del Gran San Bernardo si occupa dal 2005 dell'allevamento dei cani un tempo gestito dai monaci all'ospizio del passo. Stando alla Ebener attualmente in Svizzera vivono circa 600 esemplari di questa razza. Presso la Fondazione nascono dai 20 ai 25 cuccioli all'anno. La maggior parte viene venduta; la lista degli interessati è lunga. Barry I (1800-1814), da cui la fondazione ha preso il nome, è il San Bernardo più famoso. In una valanga avrebbe salvato la vita a 40 persone.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo