Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Berna - E' un omaggio senza paragoni, trionfale, sfegatato, impazzito, quello reso oggi dai tifosi della Roja alla nazionale spagnola di ritorno da Johannesburg con la prima Coppa del Mondo della storia della Spagna.
Se la festa di ieri e' finita all'alba, alle 15.00 di oggi si e' riaccesa di nuovo, senza nessuno sforzo, quando Iker Casillas ha messo la testa fuori dalla cabina del volo Iberia che ha riportato a Madrid i 23 di Johannesburg ed ha alzato la coppa piu' bella del mondo. Tutto era gia' pronto, da decenni, da quel lontano agosto 1920 quando la nazionale mosse i primi passi.
Il re e tutta la famiglia al completo hanno voluto abbracciare per primo i giocatori. Mentre le campane della cattedrale dell'Almudena suonavano a festa, Juan Carlos ha stretto la mano a tutti i calciatori nella sala piu' importante del palazzo reale di Madrid, quella delle Colonne. Gli abbracci sono stati riservati solo a Andres Iniesta, il genio che ha risolto la partita contro l'Olanda al 116/mo minuto, a Carles Puyol e all'orchestratore delle furie rosse, il sempre discreto Vicente del Bosque. ''Siete un esempio di sportivita', nobilta' e di squadra'', ha detto il capo di stato ringraziando di cuore i 24 per ''aver realizzato uno dei nostri sogni''.
L'incontro con il premier Jose' Luis Zapatero, poco dopo, sapeva invece gia' di festa. Il capo del governo ha stretto la mano e abbracciato i calciatori, osannati da una folla di decine di tifosi che ha messo sotto sopra il protocollo della presidenza spagnola. Al grido di ''que bote el presidente'', i tifosi hanno infatti costretto Zapatero a saltare con la coppa del Mondo in mano. ''L'hanno vinta loro ma e' di tutti gli spagnoli'', ha ricordato poi il premier a costo di non finire il discorso tra gli urli della folla e della squadra. Anche il ct del Bosque ha preso un attimo il microfono per ''ringraziare tutti gli spagnoli per l'appoggio dimostrato'', mentre quando e' toccato al timidissimo Iniesta, il genio si e' quasi pentito: ''se sapevo che cosi' non segnavo ieri'', ha detto il goleador, ricordando ai presenti che ''questa piccola coppa e' di tutti''.
Finiti i ricevimenti ufficiali e' scoppiata la 'fiesta'. Chi pensava che quella del 2008 per l'europeo fosse stata epocale si e' dovuto ricredere di fronte a quella per El Mundial. Secondo Rtve almeno un milione di spagnoli si sono affollati per le vie del centro e nella spianata di Principe Pio dove finira' la cavalcata della Seleccion. Di fronte al palco della festa finale la gente ha iniziato ad affluire gia' dalle 14.00 e neanche gli idranti dei pompieri, che provavano a rinfrescare l'ambiente, hanno calmato i cori.
Sul 'doble decker' scoperchiato intanto le furie rosse facevano gala della loro proverbiale giovialita' portati sul palmo della mano da migliaia di persone accorse nelle strade di Madrid da tutta la Spagna. Tra birre e cocktail sono partiti i cori di ''Campeones'', i salti al ritmo di ''Yo soy espanol, espanol, espanol'' e le grida di ''que viva Espana''. Gli immancabili Pique' e Reina hanno tenuto come sempre banco, scherzando con compagni e aficionados, in una fiesta che era iniziata gia' sull'aereo, dove i campeones hanno stappato 38 bottiglie di Champagne. Dopo bagno di folla e sbornia mondiale, anche le furie rosse si sveglieranno probabilmente domani con un po' di 'resaca', i postumi iberici, ma sapranno di essere passati alla storia come i primi campioni del mondo della Spagna.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS