Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Baciata da un successo senza precedenti, testimoniato dai 3 miliardi di persone che nel mondo hanno seguito il programma, dal gennaio del 2004 va in onda ogni giorno in qualche parte della Terra, per un totale di 170 edizioni.
In Italia non è stata da meno e la prima edizione del Grande Fratello, al via il 14 settembre 2000, condotta da Daria Bignardi e da Marco Liorni nelle vesti di inviato, aprì la strada ad un genere televisivo così controverso qual è quello del reality show, che ha fortemente mutato l'intero costume e l'intera società televisiva e non.
L'interesse per quella prima edizione rimane ineguagliato, come testimoniato anche dalla commozione per la morte del suo principale inquilino, Pietro Taricone, avvenuta il 29 giugno scorso, in seguito a un gravissimo incidente con il paracadute e dopo una notte di agonia. Era il 14 settembre del 2000 quando 10 sconosciuti, tra cui 'o Guerriero', varcarono la casa, che non solo sarebbe diventata la loro per 3 mesi, ma di molti italiani.
A seconda delle interpretazioni, i commentatori si divisero nel dibattito se la trasmissione fosse o meno 'finta', intendendo in realtà con questo aggettivo concetti di volta in volta diversi; dal fatto che i partecipanti 'recitassero' anzichè essere spontanei al fatto che tutto fosse 'truccato', ovvero sotto il controllo occulto della regia.
Importato dal format Endemol olandese Big Brother, il Gf prevedeva di rinchiudere in una casa per 100 giorni un gruppo di persone comuni che non si conoscevano, la cui convivenza è spiata dalle telecamere, dai microfoni e, quindi, dal pubblico, che a sua volta decide attraverso il televoto chi bocciare e chi mandare avanti nel gioco. Fino alla proclamazione del vincitore.
Una formula sostanzialmente rimasta invariata che tornerà anche nella prossima, l'undicesima edizione in partenza a fine ottobre su Canale 5 per i successivi quattro mesi.
Ma i concorrenti della prima edizione, e Taricone prima di tutti gli altri, rimarranno quelli forse più autentici e amanti anche per la loro ingenuità. Loro che andavano in bagno pensando di poter fare le confidenze più segrete senza essere spiati. Pietro e Cristina che per darsi un bacio hanno fatto un discorso lungo 4 ore e poi messo da parte l'imbarazzo ce l'hanno fatta. Roba da far impallidire i concorrenti delle ultime edizioni che passavano da un letto all'altro senza avere il minimo pudore. Si è assistito a baci tra donne, c'è stato chi come Gabriele la donna diventata uomo ha raccontato davanti a milioni di telespettatori la storia che l'ha portata a cambiar sesso. I concorrenti del primo Gf cercavano di spogliarsi evitando le telecamere. Hanno però aperto e segnato un'era che non è dato sapere quando terminerà.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS