Navigation

Grecia: 68mila Pmi e negozi chiusi dal 2010

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 novembre 2011 - 11:36
(Keystone-ATS)

In Grecia, dal 2010, 68.000 piccole e medie imprese hanno cessato l'attività. Lo ha annunciato, come riferisce il quotidiano Kathimerini, la Confederazione Nazionale del Commercio Ellenico (ESEE) rendendo noti i risultati di una ricerca condotta dalla Commissione europea.

Questa cifra è più del doppio delle 30.000 aziende che hanno chiuso i battenti nel corso dei sette anni tra il 2003 e il 2010. Secondo la ESEE, circa 53.000 aziende sono attualmente lottando per rimanere a galla e potrebbero chiudere entro la fine di quest'anno. Nel frattempo, il numero dei negozi sfitti ad Atene, Salonicco e nelle altre grandi città è in aumento, nonostante un forte calo, circa il 30%, dei costi degli affitti.

Nella capitale, circa il 20% dei negozi del centro lungo via Ermou e Kolonaki - due delle zone della città dove più intenso era lo shopping - sono sfitti, secondo la ESEE. In base allo stesso studio, risulta che la metà di tutti gli uffici e i negozi al primo piano degli edifici sono sfitti. L'associazione dei proprietari di imprese di Salonicco stima che il 21% dei negozi di questa città nel Nord della Grecia ha cessato l'attività dall'inizio di quest'anno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?